libri /montagna & alpinismo /narrativa & montagna
 

Zoom Immagine
 
TOMAZ HUMAR PRIGIONIERO DEL GHIACCIO
Autore
Bernadette Mac Donald

Editore

Argomento

Anno edizione
2009

Pagine
308

Collana

Formato
Brossura

Lingua
Italiano

Isbn
9788887890990

Disponibilita'
Immediatamente Disponibile
Prezzo : € 19,00
Prezzo Scontato : € 15,20 (risparmi € 3,80)
Copie
segnala Recensione
Nell’agosto del 2005 Tomaz Humar rimane intrappolato su una stretta cengia a 5900 metri di quota, durante l’apertura in solitaria di una nuova via al centro della più grande parete al mondo: l’imponente versante Rupal del Nanga Parbat (8126 m).
Trascorsi sei giorni, l’alpinista sloveno si ritrova senza cibo, col carburante agli sgoccioli e sotto il costante tiro delle valanghe. In una brevissima finestra di bel tempo, tre elicotteri si alzano in volo nel tentativo di strapparlo alla furia mortale della parete. Il tutto sotto gli occhi attenti e curiosi di milioni di spettatori di tutto il mondo, attratti da quella vicenda per l’audacia della salita, la notorietà dell’alpinista, il rischio elevatissimo di quell’operazione di soccorso, e aggiornati dai bollettini che il campo base pubblica ora dopo ora sul sito web di Humar.
Anni prima, col crollo del regime comunista e la dissoluzione della Federazione Jugoslava, Humar era stato brutalmente arruolato come soldato in una sporca guerra che lui disprezzava, costretto a vivere in condizioni disumane e ad assistere alle brutali e efferate atrocità condotte con sistematicità sui civili. «Scoprii la parte peggiore dell’umanità». Infine riuscì nell’impossibile: scappò, per tornare a casa in quella che ora era diventata una nazione nuova, la Slovenia.
Rimessosi a scalare, Humar divenne in pochi anni tra i grandi alpinisti di punta mondiale. Messner lo ha definito: «Il più incredibile alpinista della sua generazione». Le sue linee non vengono quasi mai ripetute, giudicate dai più vie da suicidio, che tuttavia egli realizza senza compagni, non ultima la prima assoluta in solitaria alla cima est dell’Annapurna (8047 m), dopo aver salito la parete sud.
Per raccontare questa sua incredibile vicenda Tomaz Humar ha collaborato con Bernadette McDonald, scrittrice affermata e pluripremiata. Con questo libro la McDonald è stata insignita nel 2008 del Premio di letteratura di montagna Kekoo Naoroji Award.

Dalla prefazione di Reinhold Messner:

(...) Che cosa fa di Humar l’alpinista che è? L’esperienza dimostra che in qualsivoglia generazione di scalatori di punta, metà soltanto muore per “cause naturali”. La restante perisce in seguito a una caduta, un congelamento: comunque perde la vita in montagna. La storia dell’alpinismo non fa che confermare questa brutale realtà. È tuttavia la pura casualità a dettare chi “resterà per sempre sulla montagna” e chi “sopravvivrà”? O sussiste forse una relazione tra la sopravvivenza dell’alpinista e la sua esperienza e accortezza? Oggi sono certo che, tra i fattori chiave per riuscire a resistere a una situazione limite, c’è la volontà di sopravvivere.

Recensioni

Nessuna recensione.
altri utenti hanno acquistato
Un Movimento Di Troppo Infortuni...
T. Hochholzer V. Schoeffl
€ 22,90 € 19,47
Arrampicare Senza Frontiere . Trieste...
Svab, Skok , Perhat , Cedilnik
€ 34,00
Arco Pareti - Vie Classiche Moderne...
Diego Filippi
€ 37,00 € 31,45
Monte Bianco Supercracks Le Piu'...
Lamberto Camurri G. Bassanini
€ 28,00
Atlante Delle Grotte Carsiche Del...
Aa. Vv.
€ 35,00 € 33,25